Legalizzazione Documenti in Consolato

Informazioni sulle Legalizzazioni Consolari

Per informazioni specifiche sulla modalità di richiesta delle legalizzazioni consolari, scegliete il paese di destinazione di vostro interesse dall’elenco sottostante:

A

ALGERIA
APOSTILLE
ARABIA SAUDITA

B

BAHREIN
BANGLADESH
BRASILE

C

CILE
CINA

E

EGITTO
EMIRATI ARABI UNITI

G

GIORDANIA

I

INDONESIA
IRAN
IRAQ

K

KUWAIT

L

LIBANO
LIBIA

O

OMAN

 

Q

QATAR

S

SIRIA

T

TURCHIA

V

VIETNAM

Y

YEMEN

Cos’è la legalizzazione consolare?

Legalizzazione Documenti in Consolato

La legalizzazione consolare è il processo di certificazione di un documento in modo che sia ufficialmente riconosciuto da un sistema giuridico in un paese straniero, di solito attraverso la rappresentanza sul teritorio italiano (il consolato).

La legalizzazione consiste nell’attestazione della qualità legale del Pubblico Ufficiale che ha apposto la propria firma su un documento (certificati di origine, fatture, dichiarazioni, atti, copie, estratti, etc.), nonché dell’autenticità della firma stessa.

Gli uffici pubblici di cui i consolati legalizzano le firme sono principalmente: Camera di Commercio, Procura della Rpubblica, Prefettura.

A seguito di un accordo internazionale conosciuto come Convenzione dell’Aia del 5 ottobre 1961, la legalizzazione consolare può essere sostituita dall’Apostille, che prevede un timbro speciale attestante l’autenticità del documento e la qualità legale dell”Autorità rilasciante. Per maggiori informazioni consultare la relativa pagina.